LEZZO

Negli anni Cinquanta il Po esondò ed allagò il Polesine. A Milano giunsero i senza tetto e la popolazione si offrì ad aiutarli. Era passata da poco la guerra e forse le sofferenze  altrui si [...]

TEPPA

Che la teppa fosse la malavita di ambiente urbano, la canaglia di una grande città l’ho sempre saputo. Sono nata a Porta Ticinese, dove la parola teppa ricorreva nei discorsi quotidiani, mentre [...]

BADALUCCO

Non era ancora in auge la pedagogia della permissività, secondo la quale un bambino ha sempre ragione, può fare tutto quello che vuole e non deve essere sfiorato neanche con un dito. La mamma con [...]

CAMOLA

Quando andavo a scuola, ai primi freddi per un paio di settimane sul tram sentivo aleggiare un vago odore di canfora o di naftalina. Tornavano in circolazione gli indumenti invernali [...]

BAUSCIA

Spaccone, fanfarone. Questo termine di origine lombarda, ai miei tempi, spesso veniva attribuito alle persone sempre convinte di saperla lunga e di poter quindi dettare legge in ogni campo. Forse [...]

CHICCHERA

Tazza di media grandezza. Oggi, comunemente, si dice tazzina. Per me le “vere” chicchere di porcellana sono in una vetrinetta del mio soggiorno. Due, con piccola zuccheriera, in un vassoietto, [...]

MONELLO

Un tempo i genitori avevano a disposizione una grande varietà di sinonimi per definire i loro bambini scavezzacollo, a seconda del grado di libertà che questi si prendevano. Prima che la scuola [...]

CALIFFO

Mio padre apparteneva alla Milano artigiana, lavoratrice, scomparsa come Atlantide. Nel suo lavoro di meccanico era un califfo, un vero chirurgo dei motori. Auscultava, faceva la diagnosi e [...]

ASIATICA

Invidiavo le mie compagne di scuola che di tanto in tanto erano assenti, perché avevano qualche lineetta di temperatura. Io ero sana come un pesce e la febbre me la sognavo. Fortunatamente, nel [...]

pagina 1 di 4