MOTA

La quiete dopo la tempesta era per noi bambini entrare scalzi nelle pozzanghere del cortile e pestare i piedi e inzaccherarci di fango le gambe. Quel fango era chiamato dalla nonna [...]